EXPO CORTO MALTESE 50 anni - GARE DE PARIS-AUSTERLITZ. Fino al 31 ottobre 2017

NEWS

10 luglio 2017

EXPO CORTO MALTESE 50 anni – GARE DE PARIS-AUSTERLITZ. Fino al 31 ottobre 2017

SNCF & CONNEXIONS in stretta collaborazione con CASTERMAN, hanno voluto rendere un appassionato omaggio a CORTO MALTESE in occasione del 50° anniversario dalla creazione dell’eroe di Hugo Pratt.

APPROFITTATENE, FINO A 31 OTTOBRE ALLA GARE D’AUSTERLITZ A PARIGI

Figlio di un marinaio della Royal Navy e di una gitana andalusa, Corto è cresciuto in un’atmosfera di sortilegi, magie e spiritualità sotto l’influenza di una madre cartomante e con un rabbino come maestro.

Le sue ascendenze unite all’educazione meticcia gli hanno consentito di acquisire un’apertura mentale inconsueta – per non dire anacronistica nella prima metà del XX° secolo, il periodo nel quale Hugo Pratt ha deciso di ambientare le sue storie.

La sua apertura senza pregiudizi ad ogni cultura risulta quanto mai necessaria al lettore del XXI° secolo, in un momento in cui conflitti identitari, lo sviluppo di estremismi e le derive libertarie tendono all’oscurantismo intellettuale.

I valori dell’amicizia contano più di quelli di una bandiera: la fedeltà ai compagni, uomini o donne è così forte da ingaggiarlo ogni volta al loro fianco incurante dei pericoli.

Corto Maltese rappresenta una figura carismatica e romantica dal look raffinato: una vera icona maschile alla stregua di Burt Lancaster, James Dean o David Bowie.

Il suo rivendicato individualismo, il sostenuto celibato, il suo agire disinteressato, lo stile di vita nomade, il senso dell’ironia, l’eleganza e lo charme lo impongono come incarnazione ideale di un trentenne contemporaneo nel quale i lettori possono identificarsi e nei confronti del quale le lettrici non restano indifferenti.

Le sue avventure sono punteggiate da momenti d’azione o tragedia, ma anche e soprattutto da situazioni divertenti delineate attraverso dialoghi infarciti d’ironia e l’uso  di un linguaggio secco e tagliente, sempre privo di conformismo, buonismo e inutile pudore.

Molto più che un personaggio dell’universo dei fumetti, Corto è un mito e con questo titolo si rivolge a un vasto pubblico.

Cittadino del mondo molto prima dell’era della globalizzazione, è un moderno Ulisse per il quale tutte le avventure rivestono ora più che mai, a cinquant’anni dalla sua creazione, una portata universale.

SHARE

Back to news