Il giorno di Tarowean. ()

Sceneggiatura: Juan Diaz Canales 

Disegno: Rubén Pellejero

La nuova storia, la terza realizzata dai due autori spagnoli dopo la scomparsa di Hugo Pratt, è il prequel de “Una ballata del mare salato”. E “Il giorno di Tarowean” si conclude con l’immagine di Corto legato alla zattera proprio dove e come i suoi milioni di fan lo hanno scoperto la prima volta, nel 1967.

 

Gli ingredienti sono quelli classici: c’è  l’Oceano Pacifico tra il Borneo e la Nuova Caledonia con le sue onde e i suoi silenzi, c’è un principe scacciato dalla propria isola che ha perso la memoria e la libertà, c’è il Monaco che sarà come sempre sovrano spietato delle proprie anime, c’è una “ragazza di Amsterdam” che ha perso l’uso delle gambe e somiglia a una sirena  seduttrice, c’è ovviamente Rasputin che curerà i propri interessi e profitti con l’onesto cinismo di un buon farabutto.