Il desiderio di essere inutile

Hugo Pratt

Il desiderio di essere inutile

€ 0.00

Hugo Pratt

Il desiderio di essere inutile

€ 0.00

Lingua

ITA
italiano

Formato

20×15
brossura

Pagine

150
Colori

Editore

Lizard Edizioni

sito web

Anno

1996
febbraio

Tipologia

libro-intervista
da collezione

La storia

Curioso miscuglio di ascendenze franco-inglesi, giudaico-spagnole e turche, Hugo Pratt nasce veneziano e forma la sua adolescenza in Etiopia dove scopre il fascismo e I’amore, impara a disegnare e a detestare iÌ colonialismo. Nella Venezia liberata, indossa tutte le uniformi possibili, nemiche e alleate. A ventidue anni, s’imbarca per Buenos Aires, dividendo il suo tempo tra fumetti, viaggi e stravaganze mondane. Crea circa novemila tavole disegnate, da L’Asso di picche aCorto Maltese, personaggio culto dagli anni Settanta ai Novanta. Da un’avventura all’altra, compie più volte il giro del mondo, sulle tracce di Rimbaud, Stevenson, Jack London e tanti altri amici noti e meno noti. “La mia vita è cominciata molto prima che nascessi, e credo continuerà senza di me per molto tempo ancora”, scrive Pratt.

L’altro viaggio è interiore. Esperto di cabala, iniziato al vudu, esploratore dell’arcano in sei o sette lingue apprese e parlate e in trentamila libri letti e colìezionati, Hugo Pratt è il misterioso gentiluomo di Venezia che si incontra in questo libro assieme alle sue sorelle nere, ai suoi cugini indiani, alle sue donne, ai suoi personaggi, ai suoi amici e alla morte….

Il libro è arricchito di disegni, acquerelli e foto di Hugo Pratt.

L'autore

Hugo Pratt intervistato da Dominique Petitfaux

Ne II desiderio di essere inutile Hugo Pratt accetta per Ia prima volta di raccontare la storia della sua vita, dal1927 al 1991, e di rivelare una parte del suo universo interiore.

L'opera

Il desiderio di essere inutile
Il desiderio di essere inutile è il più bel regalo che Pratt si è fatto e ci ha fatto, insegnandoci che tutto torna e quando si pensa di essere vicini ad un finale è proprio il momento in cui si riparte verso un altrove che ubbidisce solo all’immaginazione.

[…] Piaceva molto ad Hugo Pratt il titolo che aveva inventato per questo libro: il desiderio di essere inutile, titolo che suonava come un lampo di poesia, come un aforisma, come un pensiero zen. In queste pagine il Maestro racconta la sua vita, Ia sua anima awenturosa, le complicita che ha seminato per il mondo, gli amori, i sogni, i disincanti, I’arte, la cultura. Curiosamente per narrare la sua vita ha scelto la forma dell’intervista, la parola parlata anziché scritta, ha affidato alla sua voce il compito di fermare la memoria, il tempo, i sentimenti, le immagini, le per-
sone di quella che è sicuramente la sua storia più bella, che ha voluto tra- mandare alla maniera dei trovatori, dei fabulatori, di quelli che hanno fatto della fantasia il pianeta da esplorare.


Vincenzo Mollica – prefazione all’opera


Titoli
correlati

scopri le altre avventure

dell’universo prattiano

Precedente
Successivo